Scuola materna - San Sossio Baronia (Avellino)

Il centro irpino di San Sossio Baronia ha festeggiato nel settembre del 2016 la riapertura della propria scuola materna comunale, rinnovata radicalmente nella sua struttura e ora dotata di una centrale termica multi sorgente Vaillant.
L’amministrazione comunale di San Sossio Baronia, preoccupata di garantire ai più piccoli una struttura scolastica sicura, confortevole, energeticamente efficiente e sostenibile, in una terra segnata, nella sua storia recente, da eventi sismici drammatici, ha redatto un ambizioso progetto di adeguamento sismico ed efficientamento energetico per la propria scuola materna, grazie al quale si è aggiudicata un finanziamento della Regione Campania. Il progetto ha costituito la base per le successive opere di ammodernamento, che hanno fatto dell’edificio scolastico un esempio da seguire. 
Considerando che San Sossio Baronia è un comune collocato a 650 m s.l.m. con una temperatura di progetto di -6 °C ed una temperatura esterna media di 12.7 ºC, riuscire a immagazzinare energia limitando, per quanto possibile, la dispersione di calore, rappresentava un aspetto non trascurabile.  
Per ridurne il fabbisogno termico, l’intero edificio, suddiviso su tre piani con una superficie calpestabile di circa 400 mq a piano, è stato ricoperto con un involucro termico che ne garantisce la coibentazione e sono stati sostituiti gli infissi con soluzioni moderne ad alte prestazioni. Per i due piani superiori, tra i quali quello dedicato alle attività scolastiche, è stato poi scelto un impianto ad alta inerzia termica, una soluzione a pannelli radianti, in grado di garantire una migliore distribuzione del calore e maggiore confort termico all’interno della struttura. Mentre per il piano inferiore, adibito a palestra e quindi caratterizzato da esigenze di riscaldamento differenti rispetto agli altri due, si è preferito l’utilizzo di ventilconvettori. 
Per alimentare una rete così varia e diversificata, sia nella richiesta di riscaldamento sia di acqua calda, e soddisfare al tempo stesso gli ambiziosi obiettivi di efficienza energetica e impatto ambientale, la vecchia caldaia a basamento è stata sostituita da una centrale termica multi sorgente formata da due pompe geotermiche, un impianto solare a svuotamento e una caldaia a condensazione. I tre generatori agiscono su un puffer a stratificazione che rende possibile estrarre acqua tecnica a diversi livelli di temperatura, per le diverse esigenze. Tutti i generatori sono in grado di lavorare sia sulla zona di alta temperatura sia su quella di bassa temperatura del puffer, favorendone la stratificazione e la capacità di soddisfare le richieste dell’utenza. Per realizzare l’innovativa soluzione, sono state installate, per la prima volta in Italia, due pompe di calore geotermiche Vaillant flexoTHERM exclusive Green iQ da 15 kW che lavorano in parallelo, alle quali si affiancano un impianto solare gestito da una stazione termica Vaillant auroFLOW plus e una caldaia murale a condensazione Vaillant ecoBLOCK plus da 46 kW. Per ogni pompa geotermica sono stati realizzati tre pozzi profondi circa 100m, mentre l’impianto solare a svuotamento è formato da 4 collettori Vaillant auroTHERM VFK. Il puffer è un Vaillant allSTOR exclusive VPS, che accumula dalle tre diverse fonti e alimenta le richieste termiche della struttura, con una zona diretta ad un temperatura di 45/50 ºC e tre zone miscelate a 39ºC. L’acqua calda viene invece prelevata attraverso una stazione di scambio rapido Vaillant aguaFLOW exclusive dalla capacità di 35 l/min.  
A ulteriore complemento di un progetto così ambizioso, pensato nel suo insieme nell’ottica della massima efficienza e sostenibilità ambientale, è infine stato installato un impianto fotovoltaico da 12 kW che rende l’edificio quasi del tutto energeticamente autosufficiente.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy