Edifici scolastici e antisismica: € 26 mln agli enti locali

Il 19 maggio 2018 è stato pubblicato in GU il Decreto del MIUR che assegna agli enti locali € 22.564.746 per l'adeguamento strutturale e antisismico delle scuole e la costruzione di nuovi immobili, se indispensabili a sostituire quelli a rischio.
Agli enti locali sono stati assegnati 22.564.746,67 euro per l'adeguamento strutturale e antisismico degli edifici del sistema scolastico e la costruzione di nuovi immobili sostitutivi degli edifici esistenti, se indispensabili a sostituire quelli a rischio sismico. 
Le risorse sono ripartite tra 34 edifici in 17 Regioni. La Campania si è aggiudicata la quota maggiore di risorse, con 4,5 milioni per la messa in sicurezza di tre edifici. Seguono il Lazio con 2,5 milioni per interventi su due edifici e la Calabria con 2,3 milioni per tre edifici. 
L'assegnazione è effettuata entro il limite massimo dell'importo previsto per ciascuna regione dal decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'università e della ricerca 20 luglio 2017, n. 511, ed è limitata alle lavorazioni connesse all'adeguamento strutturale e antisismico di edifici esistenti o alla costruzione di nuovi immobili sostitutivi di quelli esistenti. 

Gli enti locali beneficiari dei finanziamenti sono tenuti ad approvare le progettazioni esecutive degli interventi e ad effettuare l'aggiudicazione degli stessi almeno in via provvisoria entro e non oltre il 19 maggio 2019. La durata dei lavori non deve eccedere i due anni dall'avvenuta aggiudicazione definitiva dell'intervento. 

Oltre i citati 22 milioni, il Decreto individua anche somme residue non utilizzate dalle Regioni pari a 3.699.542,92 euro. Tali somme resteranno nella disponibilità delle singole regioni per le stesse finalità.
© Copyright 2018. Edilizia in Rete - Privacy policy