Scuole innovative, il bando di idee

Come precedentemente annunciato, è stato pubblicato il bando per il concorso internazionale di idee per nuove ed innovative scuole. L’avviso è in Gazzetta e il montepremi ammonta a 2 milioni e 80mila euro.
La realizzazione delle nuove scuole riguarda le diverse regioni italiane, con dei fondi previsti dalla Legge “Buona Scuola” che ammontano in totale a 300 milioni di euro. 52 scuole interessate in diverse regioni italiane, il bando ha visto la pubblicazione sia in Gazzetta Europea che sul sito dedicato.
I progettisti avranno modo di cimentarsi in nuove proposte architettoniche all’avanguardia, incentivando un processo partecipativo. Il Decreto del Ministero dell’Istruzione contiene i criteri che interessano gli enti locali, come la disponibilità d’area, l’ampiezza del bacino territoriale di riferimento, la disponibilità di un servizio di trasporto per l’utenza, la riduzione del fenomeno di dispersione scolastica, il livello di innovazione didattica. Le risorse utilizzate per queste scuole saranno Inail e il canone sarà sostenuto dal MIUR.
Le regioni avranno tempo fino al 15 ottobre per inviare l’indicazione da una a cinque aree disponibili per la costruzione degli edifici scolastici. Per quanto riguarda invece la selezione dei progetti, i criteri saranno ciascuno rappresentato da un punteggio, che andrà ad individuare i migliori presentati.
I progettisti potranno chiedere entro il 29 luglio la documentazione e partecipare entro il 30 agosto.
 I criteri di valutazione dei progetti:
• qualità architettonica (fino a 20 punti su 100);
• qualità dell’inserimento della proposta ideativa nel contesto urbano e ambientale (fino a 10 punti);
• qualità e novità delle soluzioni architettoniche in riferimento alla didattica e alla relazione con l’ambiente naturale e progettazione di spazi verdi (fino a 20 punti);
• funzionalità e flessibilità nella definizione e distribuzione degli spazi scolastici (fino a 10 punti);
• accessibilità, fruibilità e sicurezza della struttura e dei suoi diversi ambienti (fino a 10 punti);
• qualità delle soluzioni tecniche e tecnologiche e scelta dei materiali in riferimento alla sostenibilità ambientale e alla manutenibilità (fino a 15 punti);
• qualità delle soluzioni tecniche e tecnologiche e scelta dei materiali in riferimento al benessere degli occupanti (fino a 5 punti);
• sostenibilità economica (fino a 10 punti)
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy